Pubblicato il giorno: mer, 8 Mag 2019

Wave Life Sciences annuncia i dati di sicurezza e tollerabilità dello studio di fase 1 con suvodirsen e il disegno dello studio di fase 2/3

Share This
Tags

Presentato alla Conferenza della Muscular Dystrophy Association il prossimo studio clinico di fase 2/3 con suvodirsen (DYSTANCE 51) sui pazienti Duchenne trattabili con lo skipping del 51. L’avvio del trial è pianificato per luglio 2019.

 

CAMBRIDGE, Mass., 16 aprile 2019 – Wave Life Sciences Ltd. (NASDAQ: WVE), un’azienda biotecnologica focalizzata sulle terapie innovative per pazienti con gravi patologie genetiche, ha annunciato oggi i risultati finali dello studio clinico di fase 1 con suvodirsen (precedentemente noto come WVE-210201) nei pazienti con distrofia muscolare di Duchenne trattabili con lo skipping dell’esone 51. La biotech ha inoltre annunciato il disegno del futuro studio clinico di fase 2/3 con suvodirsen nella DMD: DYSTANCE 51. I dati di fase 1 e i dettagli di DYSTANCE 51 saranno presentati oggi alla Conferenza della Muscular Dystrophy Association (MDA) a Orlando in Florida.

Siamo lieti che i risultati della fase 1 di suvodirsen dimostrino un profilo favorevole di sicurezza e tollerabilità che ci consente di procedere rapidamente nello sviluppo clinico di fase 2/3 con dosi che prevediamo rientrino nella finestra terapeutica. Prevediamo di annunciare, durante quest’anno, i dati provvisori di efficacia dello studio di estensione in aperto in corso con suvodirsen e intendiamo utilizzare tali dati come importante componente per una richiesta di approvazione accelerata negli Stati Uniti”, ha dichiarato Michael Panzara, MD, MPH, Chief Medical Officer di Wave Life Sciences. “Apprezziamo davvero i ragazzi e le famiglie che hanno reso possibile questo studio clinico. ”

 

Risultati del trial di fase 1

Lo studio di fase 1 è stato uno studio clinico multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo programmato per valutare la sicurezza, la tollerabilità e le concentrazioni plasmatiche delle singole dosi crescenti di suvodirsen somministrate per via intravenosa. Trentasei pazienti hanno ricevuto una dose di 0.5 mg/kg, 1 mg/kg, 2 mg/kg, 5 mg/kg, 7 mg/kg o 10 mg/kg di suvodirsen (n=26), suddivisi in cinque gruppi di dose crescente e sono stati seguiti per 85 giorni. Non ci sono stati severi eventi avversi, morti o interruzioni dovute a eventi avversi riportati negli studi sui pazienti trattati con suvodirsen.

Nel dicembre del 2018, l’azienda ha selezionato una dose iniziale per lo studio DYSTANCE 51 di fase 2/3 in base ai risultati dei primi quattro gruppi (0.5 mg/kg – 5mg/kg) dello studio clinico di fase 1. Le conclusioni principali dai pazienti trattati con suvodirsen nelle 4 coorti (n=24) e da tutti i pazienti trattati con placebo (n=10) includono:

  • Suvodirsen è generalmente sicuro e ben tollerato
  • Il 67% dei pazienti che hanno ricevuto suvodirsen (16/24) e l’80% dei pazienti che hanno ricevuto il placebo (8/10) hanno subito uno o più eventi avversi;
  • Gli eventi avversi più comuni che si sono verificati in due o più pazienti che hanno ricevuto suvodirsen sono stati: febbre, mal di testa, vomito e tachicardia, correlati alle reazioni associate all’infusione;
  • Gli eventi avversi nei pazienti trattati con suvodirsen sono stati di intensità da lieve a moderata e si sono risolti spontaneamente o con trattamento sintomatico;
  • Non sono stati osservati cambiamenti clinicamente rilevanti nei parametri renali o epatici o nei livelli piastrinici;
  • Nei pazienti trattati con 5 mg/kg di suvodirsen, gli eventi avversi che si sono verificati entro 24 ore dall’infusione sono stati associati ad aumenti transitori della proteina C-reattiva ad alta sensibilità e dei fattori del complemento Bb, entrambi risolti entro una settimana;
  • Non sono state osservate variazioni nei livelli del complemento C3.

Sulla base dei risultati dei primi quattro gruppi in dose crescente, il Comitato Indipendente di Monitoraggio della Sicurezza della fase 1 della sperimentazione clinica ha approvato la valutazione continua della dose procedendo all’ultimo gruppo pianificato. Dosi di 7 mg/kg o 10 mg/kg di suvodirsen sono state somministrate a due pazienti nel quinto gruppo e si sono verificati eventi avversi simili a quelli osservati a dosi più basse ma con intensità più forte. I dati completi della sperimentazione clinica di fase 1 saranno mostrati in una presentazione orale e con un poster alla conferenza MDA di oggi.

 

“Il profilo di sicurezza di suvodirsen osservato in questo studio è incoraggiante e supporta la progressione continua verso uno studio di fase 2/3”, ha detto Kathryn Wagner, MD, PhD, presidente del comitato consultivo clinico e direttore del Center for Genetic Muscle Disorders presso l’Istituto Kennedy Krieger della Johns Hopkins School of Medicine. “Questi dati, insieme all’approccio innovativo di Wave di progettazione chimica e di sviluppo clinico, mi rendono ottimista riguardo al potenziale di suvodirsen come possibile trattamento per la DMD. “

 

Disegno del trial di fase 2/3 DYSTANCE 51

In un secondo poster, Wave presenterà lo studio clinico DYSTANCE 51 di fase 2/3, un trial globale, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo che valuterà la sicurezza e l’efficacia di suvodirsen in pazienti DMD trattabili con lo skipping dell’esone 51. Questo studio clinico è progettato per reclutare bambini e ragazzi tra i 5 e i 12 anni (inclusi) con una diagnosi genetica di DMD e con una mutazione trattabile con lo skipping dell’esone 51. I pazienti riceveranno, in maniera casuale (randomizzata), 4.5 mg/kg o 3 mg/kg di suvodirsen o placebo somministrati per via endovenosa una volta alla settimana per 48 settimane. La dose di 4.5 mg/kg nello studio DYSTANCE 51 fornisce approssimativamente la stessa quantità di principio attivo della dose di 5 mg/kg nella sperimentazione clinica di fase 1. Entrambe le dosi sono state selezionate in base ai risultati dello studio clinico di fase 1 e ai dati degli studi non clinici in vitro e in vivo.

Gli endpoint principali di efficacia di DYSTANCE 51 misureranno il cambiamento nei livelli della proteina distrofina e i cambiamenti nei punteggi della North Star Ambulatory Assessment (NSAA). Inoltre, questo studio clinico di fase 2/3 includerà diverse misure di esito funzionale come endpoint secondari di efficacia. L’avvio di DYSTANCE 51 è pianificato per luglio 2019 e l’azienda intende utilizzare i risultati di questa sperimentazione per ottenere approvazioni regolatorie a livello globale.

All’inizio di quest’anno, Wave ha annunciato che lo studio clinico DYSTANCE 51 è stato selezionato per il programma pilota della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti per il disegno di trial complessi e innovativi (CID). Come partecipante al programma pilota, l’azienda ha l’opportunità di incontrare lo staff della FDA per discutere gli elementi di progettazione della sperimentazione.

 

Studio di estensione in corso 

Suvodirsen è attualmente nella fase di studio in estensione in aperto (Open-Label Extension OLE), con dosaggio multiplo. O studio è stato avviato nell’agosto 2018 con pazienti provenienti dalla fase 1. La biotech prevede di presentare, durante la seconda metà del 2019, un’analisi ad interim dell’espressione di distrofina da biopsie muscolari nei pazienti che ricevono suvodirsen nello studio OLE. I dati di questa analisi sono destinati a servire come importante componente per una sottomissione alla FDA per l’approvazione accelerata.

Traduzione a cura dell’Ufficio Scientifico Parent Project onlus

 

Potete leggere il comunicato stampa originale diffuso da Wave Life Science al seguente link.

 

Per approfondimenti sullo studio clinico di fase 2/3 selezionato per il programma pilota della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti per disegni di trial complessi e innovativi potete leggere la notizia al seguente link

Per ulteriori informazioni sullo studio clinico di fase 1 di suvodirsen (WVE-210201), potete consultare la Brochure dei Trial Clinici di Parent Project.

About the Author

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*