Pubblicato il giorno: mar, 2 Set 2014

La Scoliosi nella DMD

La scoliosi è una deformazione della colonna vertebrale, caratterizzata da una deviazione laterale, causata dalla debolezza, spesso asimmetrica, dei muscoli del tronco, addominali e paraspinali.

Condizione comune nei ragazzi affetti da DMD, è in genere direttamente dipendente all’età alla quale i ragazzi perdono la capacità di camminare (10-14 anni). In questa fase puberale, l’accrescimento osseo è maggiore e ci impone massima attenzione per evitare un rapido peggioramento, con controlli radiografici da seduto semestrali. Altro fattore che deve spingerci alla prevenzione assoluta verso la scoliosi, è la diminuzione della funzionalità polmonare.

I ragazzi DMD hanno una riduzione della capacità vitale forzata (FVC) del 4% ogni anno dopo la perdita della deambulazione. La deformazione della colonna fa diminuire ancora di più la funzionalità respiratoria (10° di scoliosi risultano in una diminuzione ulteriore della FVC del 4%).

Non è stato dimostrate che l’uso di ausili ortopedici per la colonna vertebrale (busti) riesca ad impedire il sopraggiungere della scoliosi nei ragazzi: in uno studio con 32 ragazzi che hanno utilizzato il busto, la scoliosi si è comunque manifestata nel 94% dei casi.

La terapia steroidea si è dimostrata efficace nel ritardare la perdita della deambulazione, ed indirettamente anche l’insorgenza della scoliosi, favorendo forme meno aggressive nei ragazzi che riescono a mantenere il più a lungo possibile il cammino.

Nei casi più gravi, dove l’inclinazione supera i 30 / 40 gradi, è consigliabile una valutazione ortopedica, per un possibile intervento alla colonna (spinal fusion).

Lo scopo di un intervento chirurgico è quello di correggere l’inclinazione pelvica, preservare la capacità del paziente di mantenersi in equilibrio da seduto, ed eliminare l’effetto di un ulteriore peggioramento delle funzioni respiratorie.

 

 

About the Author

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*