Pubblicato il giorno: mer, 28 Nov 2018

Catabasis Pharmaceuticals: aggiornamenti sui trial e nuova collaborazione per esplorare i potenziali benefici di edasalonexent sulla funzionalità cardiaca

Share This
Tags

In seguito ai risultati promettenti del trial clinico di fase 2 (MoveDMD), e in concomitanza con l’avvio dello studio di fase 3 (PolarisDMD), Catabasis annuncia una nuova collaborazione con la UT Soutwestern per valutare i potenziali effetti benefici di edasalonexent sulla funzionalità cardiaca.

In un comunicato stampa del 13 novembre, l’azienda statunitense Catabasis Pharmaceuticals, Inc. ha annunciato una collaborazione con Pradeep Mammen, fondatore e Direttore Medico della Neuromuscular Cardiomyopathy Clinic alla University of Texas Southwestern (UT Southwestern), con l’intento di esplorare il potenziale di edasalonexent, un nuovo inibitore di NF-kB ad uso orale, nel migliorare la funzionalità cardiaca in pazienti con distrofia muscolare di Duchenne e Becker.

La nuova collaborazione si basa su promettenti studi clinici e preclinici e sull’expertise del Dr. Mammen nell’ambito della cardiomiopatia neuromuscolare. Dai dati clinici e preclinici ottenuti su alcuni biomarcatori è stato evidenziato un potenziale beneficio cardiaco di edasalonexent nei pazienti DMD/BMD. Nel trial clinico di fase 2 MoveDMD, e nello studio di estensione, è stata osservata una riduzione della frequenza cardiaca verso i valori normali per età nei ragazzi DMD, e in studi preclinici su modelli murini e canini di Duchenne è stata osservata una diminuzione della fibrosi cardiaca in seguito all’inibizione di NF-kb.

La collaborazione tra Catabasis e il Dr. Mammen prevede l’utilizzo del topo mdx con ridotti livelli di utrofina: questi animali mostrano una cardiomiopatia precoce e prominente. I risultati dello studio, che comprenderanno sia una valutazione funzionale ed ecocardiografica che una valutazione istologica, biochimica e molecolare, sono attesi per la seconda metà del 2019.

Il Dr. Mammen ha dedicato la sua carriera a migliorare la vita di pazienti con insufficienza cardiaca, in particolare focalizzando la sua attenzione sulla cardiomiopatia neuromuscolare e sulla presa in carico di pazienti Duchenne e Becker. Aiutare a capire il funzionamento di edasalonexent, e come la molecola potrebbe essere di aiuto ai pazienti con questa patologia, è pertanto tra i suoi obiettivi principali.

Jill C. Milne, Ph.D., CEO di Catabasis, riporta nell’ultimo report trimestrale gli sviluppi fatti nel programma edasalonexent. È stato avviato lo studio clinico di fase 3 denominato POLARIS per cui diversi centri clinici stanno aprendo l’arruolamento. Il trial sarà condotto in circa 40 centri clinici tra Stati Uniti, Canada, Australia, Europa ed Israele, al momento non è previsto il coinvolgimento di centri clinici in Italia. Potete trovare maggiori informazioni sul trial POLARIS leggendo la notizia dell’avvio pubblicata lo scorso ottobre. Nel report sono inoltre presentati i buoni risultati ottenuti dallo studio clinico di fase 2 MoveDMD, che mostrano una stabilizzazione nella progressione della patologia rispetto ai controlli dopo 72 settimane di trattamento. In questo contesto c’è grande entusiasmo per la collaborazione con il Dr. Mammen e per il potenziale effetto benefico di edasalonexent sulla funzionalità cardiaca.

A cura dell’Ufficio Scientifico Parent Project Onlus

Potete leggere il comunicato stampa originale diffuso da Catabasis al seguente link.

Potete scaricare di seguito i report del terzo trimestre 2018 di Catabasis.

Per ulteriori informazioni sullo studio clinico di fase 2, MoveDMD, potete consultare la Brochure dei Trial Clinici di Parent Project.

About the Author

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*